JS rules

js

Quella con la Lazio è stata la 27esima vittoria casalinga consecutiva della Juventus. I numeri certificano il dominio assoluto della squadra di Allegri all’interno delle mura amiche dello Juventus Stadium: nell’anno solare 2016 i bianconeri hanno vinto tutte le gare di Serie A qui disputate, cioè 20, stabilendo un altro record. Mettiamoci un po’ a giocare con le statistiche e poi vediamo di capire cosa rende il JS un fortino così inattaccabile. Un dato secco intanto: la Juventus ha perso soltanto UNA delle ultime 77 gare interne in serie A, come ci ricorda la tabellina sotto riportata:

2011/2012 13Vinte -6Pareggiate – 0Sconfitte

2012/2013 14V -3P -2S

2013/2014 19V -0P -0S

2014/2015 16V -3P -0S

2015-2016 16V -2P -1S

2016-2017 11V -0P -0S

Riassumendo: Juve imbattuta (anche in trasferta) nel primo anno “contiano”; sconfitte interne con Inter e Samp nel 2012/2013, poi 2 anni interi senza sconfitte fino alla capitolazione alla prima del 2015/2016, con l’Udinese di Thereau. I numeri ovviamente non dicono tutto ma raramente mentono e se lo fanno è perchè sono incompleti o non li sappiamo leggere. Vediamoli nel dettaglio dall’inaugurazione nel settembre 2011:

106 partite disputate – 89 vittorie, 14 pareggi, 3 sconfitte / 234 gol fatti, 54 subiti

torta_match_totalgol

Ma le percentuali “bulgare” generali non risparmiano le cosiddette rivali della Juventus. Ci si può aspettare che una “piccola” abbia difficoltà anche ambientali nella “bolgia” del tifo dello Stadium ma così non dovrebbe essere per le contendenti al titolo o quantomeno per le squadre più blasonate. Eppure anche i risultati delle big lasciano alquanto a desiderare, come vediamo qui sotto dai punti conquistati anno per anno dalle rivali della Juve:

numeri-delle-altre

Solo l’Inter è riuscita a vincere allo Stadium, sotto la guida di Stramaccioni, peraltro poi eclissandosi abbastanza velocemente dai quartieri alti della classifica; per il resto quasi tutte amare delusioni, tanto che l’impressione che se ne ricava è che siano proprio le grandi a “scansarsi” con più facilità.

Rammentiamo però che anche altre squadre (vedi Roma e Napoli) hanno un andamento invidiabile tra le mura amiche. Ad esempio nella stagione 2015/2016 il Napoli ha totalizzato 51 punti al San Paolo, contro i 50 dei bianconeri allo Stadium. Nella stagione 2013/2014, quella dello storico record dei 102 punti, la Roma ha raccolto ben 48 punti all’Olimpico, frutto di 15 vittorie e 3 pareggi (con una sola sconfitta, proprio con la Juventus). La differenza è quindi nel rendimento in trasferta, ma qui il discorso esula dal tema di queste righe. Si può però affermare con certezza che lo Juventus Stadium rappresenta un plus sotto ogni punto di vista per la squadra e l’azienda Juventus. Tornano in mente le parole pronunciate da Andrea Agnelli poco prima dell’inaugurazione: “uno stadio di proprietà che ci darà un vantaggio per i prossimi 5-6 anni“.

antonio-conte_h_partbAl di là del giro d’affari legato all’indotto della zona commerciale + Museo, lo Stadium si è inserito alla perfezione nel periodo di rinascita calcistica di una realtà che era stata straziata dalle sentenze sportive del 2006 e che stentava a ritrovare una dimensione di predominio in Italia. Negli anni delle partite nelle aule di tribunale per i vari filoni di Calciopoli, la squadra era assente, smarrita, lontanissima parente di quella dei condottieri Lippi e Capello. L’arrivo di un personaggio intransigente, plasmato da e per la Juve, depositario in tutto e per tutto del motto scelto “Fino alla fine” aveva fatto scoccare la scintilla tra il pubblico e la sua nuova casa, tra i tifosi annoiati e disillusi e la nuova squadra. La Juventus disponeva di un bellissimo cinema e Antonio Conte prometteva di proiettare un film all’altezza. Come è andata lo sappiamo, il tecnico pugliese e il nuovo stadio hanno contribuito in maniera insostituibile alla cementificazione di un “senso di appartenenza” che è visibile, tangibile, quasi misurabile per chiunque entri al JS. La scelta di Conte, in un momento in cui serviva anche un balzo di “fede”, ha trovato la sua continuità nel pragmatico e meno totalitario Allegri: i meccanismi, non solo della squadra, erano già oliati a dovere. Le capacità del tecnico livornese di governare la nave hanno fatto il resto. La Juventus, con la scelta di costruirsi uno stadio di proprietà, ha dato un chiaro segno e fatto un investimento importante. Non credevo lo avrei mai fatto ma mi tocca citare Tavecchio quando dice che “..Torino per ora ha una superiorità organizzativa e in tema di cultura della vittoria.” e soprattutto quando ricorda che il calcio italiano deve recuperare Milano. La dimensione europea di Milan e Inter è un valore da ritrovare che può far da traino a tutta la serie A; troppo lontani i tempi in cui ci si affrontava nelle semifinali di Champions League. Magari, sotto sotto, sperando in un epilogo diverso.

Annunci

17 pensieri riguardo “JS rules

  1. E fanno 30, 109 partite (92V 14P 3S) 241 gol fatti 55 subiti. In queste 30 partite la Juventus ha subito solo 10 reti. Visto che si parla di Allegri (rimane? va via?) la Juventus con Allegri:
    145 Games Managed
    103 Wins
    23 Draws
    19 Losses
    274 Goals Scored
    95 Conceded
    +179 Goal Difference
    71.03 Win %
    (via @juvefcdotcom on Twitter)

    Mi piace

  2. Eravamo rimasti a 30….fanno 31 vittorie consecutive. 110 partite (93V 14P 3S) 243 gol fatti 56 subiti. Pensierino del dopo Juve-Milan, Billy Costacurta “..si può considerare che non sia rigore se non fosse che c’è un regolamento da seguire…”

    Mi piace

  3. Comunque al di là dell’episodio in sè, il fatto che negli ultimi anni ci siano state diverse partite risolte in questa maniera (penso almeno a un paio di derby con il Toro) indica davvero che fino alla fine non è solo un motto… non può essere una cosa casuale.

    Mi piace

  4. effettivamente se ne dicono di cotte e di crude
    peccato che succeda sempre se riguarda la Juve
    poveri arbitri devono avere la tremarella quando vengono selezionati per un incontro di cartello rigardante la Juve

    Mi piace

  5. E sono 32…..111 partite (94V 14P 3S) 245 gol fatti 56 subiti. Higuain e Dybala in forma fanno ben sperare…intanto Allegri invita ad “andare al circo” per vedere lo spettacolo. In effetti per essere un “catenacciaro” non ha fatto male alla Juventus…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...