Calciopoli: il mancato risarcimento a Gazzoni

Con sentenza dell’8 novembre 2011 il Tribunale di Napoli, che ha giudicato gli imputati del processo penale conosciuto come Calciopoli, aveva condannato Luciano Moggi e altri imputati per i reati di associazione a delinquere e diversi episodi di frode in competizioni sportive. Aveva, inoltre, condannato gli imputati al risarcimento dei danni in favore delle parti civili Victoria 2000 s.r.l., Bologna Football Club 1909 s.p.a. e Brescia Calcio s.p.a. Continua a leggere “Calciopoli: il mancato risarcimento a Gazzoni”

Annunci

Lo stato delle cose: ricomincio da tre

Non possiamo non concentrarci su Juve – Atletico e sulla prestazione totale della squadra di Allegri. Più volte avevo discusso delle 2 C (cuore e c*lo) sperando che non mancasse la terza: quella di CR7. E lui, da buon Cristiano, non ha tradito le attese. Così questa sorta di trinità pagana ha fatto il miracolo. A dir la verità la fortuna è rimasta in panchina: non ce n’è stato bisogno. Come ha detto il Cholo (altra pericolosa C) “Sono stati più bravi in tutto”. Per fare una battuta, siamo passati dall’abitudine all’ingresso di un difensore (Barzagli) per cementare la linea arretrata, al cambio di un terzino (Spinazzola) con Dybala. Da prendere con le molle: non è che basta fare cambi offensivi per essere dei geni. La Juventus ha vinto la partita su ogni palla vagante, su ogni contrasto, su ogni corpo a corpo, tutti affrontati con ferocia, aggressività, pressing collettivo alternato a momenti in cui la squadra rifiatava compatta nella sua trequarti. E con la qualità dei Bernardeschi, Emre Can, Spinazzola e ovviamente Sua Onnipotenza Cristiano Ronaldo. E per chi se lo chiedeva ecco la differenza tra averlo e non averlo. Spinazzola è il giocatore più rappresentativo del momento: sempre propositivo, rapido, ha puntato l’avversario molto spesso, arrivando al cross, alle volte perdendo palla per qualche rimpallo, senza scoraggiarsi e senza tirare il freno a mano che così rischiamo di meno. E’ stata esattamente la partita che si doveva fare e che si voleva vedere. Il risultato è una diretta conseguenza. Poi, diciamolo chiaramente, alle volte subisci un rigore all’ultimo minuto alle volte te lo danno a favore. Ma chi la butta dentro ha sempre la stessa faccia. Continua a leggere “Lo stato delle cose: ricomincio da tre”

La posizione processuale di Paolo Bergamo

Una tra le più importanti figure della lunga e complessa storia di Calciopoli è sicuramente rappresentata da Paolo Bergamo, designatore, insieme a Pierluigi Pairetto, nei campionati di Serie A e B dalla stagione 1999/00 alla stagione 2004/05. Durante la loro gestione, il titolo di Campione d’Italia andò tre volte alla Juve e una volta a Lazio, Roma, Milan. Continua a leggere “La posizione processuale di Paolo Bergamo”

Lo stato delle cose: sipario

Non potrebbe esserci altro titolo per questa piccola rubrica. A 12 giornate dalla fine il +16 della Juventus sul Napoli non consente voli di fantasia. Ma il week end è stato importante anche nella lotta per l’Europa: il Milan ha fatto il sorpasso diventando terza forza della Serie A. Grande vittoria della Lazio nel derby che, vincendo il recupero con l’Udinese, affiancherebbe la Roma a quota 44. Brillano Torino e Atalanta e vince anche la Samp dell’highlander Quagliarella. In quota salvezza decisivi i passi di Cagliari e Udinese che staccano il Bologna, terzultimo, di 9 e 7 punti. Un occhio alla classifica:

Continua a leggere “Lo stato delle cose: sipario”