Alle origini di Calciopoli (4)

Abbiamo appurato, dunque, che il Messina era effettivamente una società vicina a Moggi e alla Juventus, senza che della cosa si facesse mistero (link). E abbiamo anche visto che in quella stagione i peloritani sono effettivamente abbastanza fortunati con le decisioni arbitrali, cosa che suscita le ire delle altre concorrenti per la promozione. Del resto, il saldo delle decisioni arbitrali nel campionato di B 2003-2004 è decisamente favorevole al Messina non solo con gli arbitri della presunta “combriccola romana” denunciata da alcuni presidenti avversari, ma anche con altri fischietti (link). Se dunque le voci e i sospetti si concentrarono su Palanca e Gabriele, e non, per esempio, su Tombolini (4 rigori concessi in 4 partite con il Messina) doveva esserci qualche altro motivo, legato non solo a quanto accadeva sul campo. Tanto più che un testimone come Carletto Ancelotti, interrogato dall’Ufficio Indagini della FIGC l’8 giugno 2006, ha affermato che tra Moggi e Tombolini c’era, a suo dire, un rapporto molto confidenziale, analogo a quello tra Moggi e De Santis. moggiNel 1999 Tombolini e De Santis furono avversari nella corsa a un posto da internazionale; il primo, raccontano le cronache dell’epoca, sostenuto da Bergamo, il secondo, che ebbe la meglio, da Pairetto. Ad ogni modo Tombolini è marchigiano, e non è mai stato sfiorato dall’inchiesta di Calciopoli; noi invece, dobbiamo provare a rispondere alla terza domanda che avevamo posto nella seconda puntata della serie.

3) Esisteva davvero una “combriccola romana” di arbitri?

Continua a leggere “Alle origini di Calciopoli (4)”

Annunci

Alle origini di Calciopoli (1)

Da più di un anno penso a come proseguire la serie di articoli su Massimo De Santis, il condannato di Calciopoli, iniziata con i pezzi che hanno rievocato la sua antica fama di arbitro juventino (link qui), e lo spionaggio condotto ai suoi danni (e non solo ai suoi danni) da Telecom (link qui). Quella serie si riprometteva di andare oltre le analisi dei singoli capi d’imputazione dei processi, penali o sportivi che fossero, nella convinzione che per capire davvero il De Santis 2004-2005, compresi i fatti che sono stati oggetto di specifica imputazione, non ci si può limitare a quello, ma bisogna raccontare una storia molto più ampia e complessa.

arbitro-de-s
Massimo De Santis

In particolare, mi sono reso conto ben presto che nella terza puntata della De Santis story avrei dovuto soffermarmi sul 2003-2004, un anno non preso in considerazione dalle indagini, ma in cui accadono tante cose importanti e ricche di conseguenze. Parlare del 2003-2004 mi ha portato inevitabilmente a parlare della genesi di Calciopoli. E questo racconto delle origini di Calciopoli, in origine pensato come una puntata della serie su De Santis, ha acquisito col tempo, e con le domande, tante, che si porta dietro, uno spessore tale da meritarsi, a sua volta, uno spazio tutto suo, che si inaugura con questo pezzo. Andando avanti, si capirà facilmente perché non si può capire il De Santis 2004-2005 senza tornare a raccontare, prima, questa storia. Continua a leggere “Alle origini di Calciopoli (1)”