Caro il mio Massimiliano

Forse un commento a caldo dopo una bruciante sconfitta non è l’ideale. Forse, per dirla con Ligabue, “…uno sfogo fa sbagliare spesso la misura” ma fa vedere lo stato delle cose senza tutti i costrutti del “politically correct” che la mente alle volte ti impone. Più che la rassegnazione o il dispiacere per la sconfitta, la sensazione dominante è la rabbia per aver passato tutto (quasi) il secondo tempo a dire “ora ce lo fanno…” senza aver visto la minima reazione di gamba e cervello, non necessariamente in quest’ordine. Continua a leggere “Caro il mio Massimiliano”

Aiuto! Mi stanno rubando la nostalgia calcistica

zizouSei nostalgico del calcio degli anni Novanta? Domanda facile: di qualcosa sì, e di qualcosa no. Sei nostalgico degli anni Novanta in genere? Come prima: di qualcosa sì, e di qualcosa no. Come tutte le persone più o meno normali, del resto; perché da trentenne vivere di nostalgia avrebbe un che di patologico.

Oggi seguo il calcio in maniera più attenta e “scientifica” di quanto non facessi, bambino e poi adolescente, negli anni Novanta. Ovviamente, quando mi capita di rivedere una figurina, un’immagine, un video di quegli anni il mio pensiero torna con piacere a quel tempo antico; specie se le immagini calcistiche sono legate a ricordi personali di quell’età spensierata. E sfogliare un vecchio album, o vedere una trasmissione che ricorda quegli anni, possono essere il simpatico passatempo di un pomeriggio; anche se ovviamente non vincerebbero la sfida con la diretta di una partita di oggi. Continua a leggere “Aiuto! Mi stanno rubando la nostalgia calcistica”